Concorso Gravina

L’uomo è misura dello spazio. Il vuoto tra gli edifici diventa corte, luogo di incontro, di sosta, di passaggio, quando è vissuto dall’uomo. L’architettura dell’arredo è a servizio dell’uomo, non protagonista dello spazio. I regolari blocchi monolitici in cemento disegnano il suolo della corte e, sfuggendo la mimesi, rendono chiara la geometria e la struttura materica delle preesistenze. La corte della Facoltà di Architettura è uno spazio unico proprio perché caratterizzato unicamente dalla presenza della gente che la anima, la colora e la rende viva.

The human being is measurement reference for the space. The void among buildings becomes courtyard, meeting, rest or transit point, only if lived by humans. Furniture architecture must not be protagonist of the space: it has a serving role. The regular monolithic blocks made of concrete don’t aim to disguise, but design the courtyard pavement, and make the geometrical and materical structure of the existing building even more clear. The courtyard of the Architecture Faculty is an unique space, characterized only by the people living and giving life to it.

Advertisements